Vorrei..Ma Non Posso!

Tiziano Sguerso profile image
Tiziano Sguerso
|
September 9, 2020

Strano periodo quello che stiamo attraversando.

Questa presunta pandemia ha mandato in "tilt" un pò tutto il pianeta!

All'inizio ci siamo adattati, abbiamo aderito alla "quarantina", abbiamo aderito alle mascherine, abbiamo aderito per il bene di tutti noi, per il bene dell'"Uno".

Qualcuno ha scelto di farsi qualche domanda in più, qualcun altro si è accontentato di guardare il telegiornale.

Come sempre, non siamo rimasti tutti uniti in questo;

ci siamo separati e abbiamo perso la visione a lungo termine e forse anche la visione dall'alto con ovviamente anche il nostro vantaggio e il nostro potere.

Abbiamo iniziato a metterci in fila l'uno con l'altro, perchè noi umani deridiamo le pecore per la loro ingenuità nel seguire il pastore, ma aimè siamo un esempio assai peggiore di esse.

Noi umani ci mettiamo in fila tra di noi!

Non abbiamo bisogno del pastore, abbiamo bisogno di un pò di "paura", per far sì di metterci in riga l'uno con l'altro!

"Non hai la mascherina? Stai Uccidendo la Gente, Sei un Criminale!" ed ecco che una pecora ha immediatamente rimesso in fila un'altra pecora.

Non fraintendetemi, non è questione di non seguire le regole, è questione di capire se le regole ci beneficiano o no, se le regole al quale ci viene richiesto di "sottostare" hanno una base d'amore e di unione o no?

Qualcuno chiama questi discorsi, "cospirazioni"!

Ma che cos'è una cospirazione se non un pensiero differente da quello dei "main stream media"? e di conseguenza, un pensiero differente dalla percezione comune!

Ed ecco che un bel giochino di percezione entra in campo: "Se non la pensi come tutti, non appartieni, se non appartieni, non sopravvivi!

È già cari lettori, perchè tanti anni fà, quando non appartenevi a un clan, a un gruppo, a una tribù...venivi cacciato, abbandonato.. quando questo accadeva andavi incontro a due destini : Ucciso o Schiavizzato!

Quindi su quale emozione stiamo giocando: Paura!

L'argomento paura; una percezione guidata dal nostro cervello "rettile"(ti sei mai chiesto perchè viene chiamato rettile? forse dovresti!!), una sensazione costantemente presente quando si parla di cambi direzionali, cambi a livello di governo, guerre, politica, regole, imposizioni... ebbene la nostra cara amica paura è sempre presente, qualcuno la porta sempre in rete e noi ovviamente siamo sempre aperti ad accoglierla.

È lei a guidare le nostre scelte lavorative, le nostre scelte finanziarie, spesso anche le nostre scelte sentimentali....ma non ne siete stanchi? ma non vi sentite sdrenati?

Non siete stufi di quelle frasi : "Devo lavorare o morirò di fame", "Devo studiare o finirò per non trovare lavoro", "Devo seguire le regole che mi vengono imposte, anche se non le trovo giuste, altrimenti ci andrò a rimettere."

Bene è proprio la percezione "paura" a portare via la tua libertà, è lei ad imprigionarti in uno stato di sopravvivenza continuo, dove il tuo campo energetico (eh sí mio caro amico/a non sei solo materia, anzi..) viene continuamente risucchiato e di conseguenza non utilizzabile per "vivere e prosperare" in quanto già coinvolto nel concetto "sopravvivere e non perire"...

Nel concetto "paura" ,c'è anche quell'assurda ideologia dove noi esseri umani pensiamo di essere "animali rotti", dove pensiamo che senza un aiuto esterno siamo destinati a perire sotto attroci sofferenze in quanto "indifesi"!

Poveri animali "indifesi"!

Abbiamo bisogno di un fazzoletto davanti alla bocca per combattere un terribile nemico che gira nell'aria... nel frattempo che tutto ciò avviene possiamo mandare il nostro perfetto sistema immunitario in vacanza dicendogli: "Ehi tu, puoi tranquillamente rilassarti e indebolirti tanto ora ho fazzoletti, pillole e dottori che faranno il tuo lavoro. Grazie e arrivederci!"

Ed ecco che arriviamo ad un altro fantastico punto nel nostro : " Vorrei.. Ma Non Posso!"

Responsabilità, ecco cosa non ci piace a noi esseri umani, prenderci responsabilità!

Preferiamo darla ad un fazzoletto, ad un dottore, ad una qualsiasi circostanza esterna piuttosto che farcene carico.

Tipo: "Non la penso come gli altri nei riguardi di questa pandemia, ma non lo dico, non voglio prendermi la responsabilità di essere giudicato!"

Tipo: "Ho un dolore, un segnale, malattia etc... vivo la mia vita infelicemente, sono emozionalmente instabile e scontento... ma nei riguardi del dolore, vado dal medico, dal mio "salvatore", sarà lui a salvarmi con la mitica pastiglia... e attenzione, se non mi salva la colpa è la sua, precisiamolo!"

...tanti di voi odieranno queste parole e si sentiranno profondamente toccati da esse, potenzialmente feriti, in quella ferita spero che queste parole portino "consapevolezza" magari con il tempo..

Quella consapevolezza utile nel capire che la distanza serve a distanziare i nostri cuori, ma non a proteggerci, a ferirci e indebolirci, tutto ciò che è distante dalla fonte (il cuore) diviene più debole...

Quella consapevolezza utile nel capire che "disinfettare tutto" serve a indebolire il nostro sistema immunitario ovvero le nostre naturali difese, a discapito di quelle artificiali..

Quella consapevolezza utile a percepire che siamo fatti a immagine e somiglianza di dio, esseri perfetti, espressioni d'amore sotto diversi punti di attenzione..

Quella consapevolezza utili nel sentirti idoneo a dire "no, non ci stò!", ma non sotto una base bellica, sotto una base d'amore, amore per noi stessi e per l'uno, per tutta l'esperienza umana..

Quella consapevolezza utile nel capire che non ci sono individui che "cospirano", individui bianchi, neri e "Black Lives Matter", " All Lives Matter"!

Ci sono solo differenti esperienze della stessa cosa.

Invece di dire sono bianco, cristiano, mussulmano etc... prova a dire: sono "la consapevolezza" che stà avendo un'esperienza in un corpo bianco, cristiano etc...guarda come la tua percezione degli altri cambia all'istante!

Identificandoci come la stessa cosa.

Il potere è sempre stato in mano a pochi, perchè i tanti hanno iniziato a identificarsi, a distanziarsi per differente colore di pelle, religione, pensiero etc...

Hanno scelto di dare il loro vero potere "via" a discapito della percezione paura...

L'unico modo perchè i pochi, controllino i tanti è solo attraverso la percezione "paura"!

Rileggi!

Mi rivolgo infine a tutti i miei fratelli e sorelle nel campo "spiritualità", dove spesso vedo messaggi d'amore, veri e puri messaggi di pace al quale ovviamente aderisco ma al quale faccio una premessa di unione e dal cuore, in qualsiasi colore esso sia....

L'amore ha anche la forma del: "No, io non ci stò!"...non dimentichiamocelo.

..e quindi.. " Vorrei dar via la mia libertà...ma non posso!".

TS

The Mind Architect

Back to Article List